L’autofocus in chiaro – Modalità di messa a fuoco

Al giorno d’oggi, la maggior parte delle reflex digitali sono dotate di diverse modalità di messa a fuoco differenti per varie situazioni. Una cosa è fotografare il ritratto di un soggetto, ed un altro fotografare una persona che corre o un uccello in volo. Quando si fotografano dei soggetti, in genere si raggiunge la messa a fuoco e poi si scatta. Se il soggetto si muove, si trova una nuova messa a fuoco di nuovo si scatta un’altra foto. Ma se si dispone di un soggetto che è in continuo movimento, è necessario fare in modo che la fotocamera regoli automaticamente messa a fuoco mentre si scattano foto. Ma come fare? Non preoccupatevi la vostra reflex digitale molto probabilmente avrà una funzione built-in per gestire tali situazioni. Vediamo queste modalità di messa a fuoco in modo più dettagliato.

1) Single Area AF (AF-S, One Shot AF)

Il “Single Area AF”, noto anche come “AF-S” nel mondo Nikon o “One shot AF” nel mondo Canon è un modo molto semplice per acquisire messa a fuoco. Si sceglie un punto di messa a fuoco e la fotocamera cercherà di contrasto proprio in quel singolo punto di messa a fuoco. Quando si preme a metà il pulsante di scatto o si premere un pulsante dedicato all’AF (se ne avete uno), la fotocamera metterà a fuoco una sola volta e se il vostro soggetto si muove, non sarà possibile riacquistare il fuoco anche se si continua a premere il pulsante per metà. Quindi, la messa a fuoco rimane “bloccata”. La modalità Single Area AF richiede alla fotocamera di bloccare il fuoco prima di consentire lo scatto di una foto, quindi se messa a fuoco non è acquisita o il soggetto si muove, premendo il pulsante di scatto non succederà nulla. Alcune fotocamere consentono di modificare questo comportamento. Sulla Nikon D810 , per esempio, è possibile impostare le “Opzioni di priorità AF-S” nel menu “Autofocus” per avere permesso di scattare foto anche quando la messa a fuoco non è acquisita in modo corretto. canon right

2) Messa a fuoco AI Servo continua

Un’altra modalità di messa a fuoco che è disponibile su tutte le reflex digitali moderne si chiama “/ AF-C continuo” (Nikon) o “AI Servo” (Canon). Questa modalità viene utilizzata per il monitoraggio di soggetti in movimento, ed è un must per lo shooting sportivo, la fauna selvatica e per altri soggetti non-stazionari. In questa modalità la fotocamera analizza il movimento del soggetto e predice il posto in cui si troverà il soggetto, ponendo il fuoco nel punto previsto. La vantaggio della modalità continua, è che saprà regolare automaticamente la messa a fuoco a seconda del movimento soggetto. Tutto quello che bisogna fare è continuare a premere il pulsante di scatto a metà corsa o tenere premuto il pulsante dedicato AF (se ne avete uno) sulla fotocamera e il sistema di messa a fuoco automatica seguirà automaticamente qualsiasi movimento. Rispetto a Single Area AF, la modalità continua è generalmente altamente configurabile (in particolare sui modelli DSLR di fascia alta) e può eseguire operazioni complesse, come ad esempio il monitoraggio di soggetti con uno o più punti di messa a fuoco.

3) Modalità ibrida continua / Singola

Alcune fotocamere hanno anche un’altra modalità chiamata “AF-A” (Nikon) o “AI Focus AF” (Canon), che è fondamentalmente una modalità ibrida che commuta automaticamente tra le modalità AI Servo continua / single / One-Shot. In questa modalità, se la fotocamera rileva che il soggetto è fermo, passerà automaticamente alla messa a fuoco singola, mentre se il soggetto si muove, passerà alla messa a fuoco continua. Molte delle DSLR di fascia alta / professionale non hanno questa modalità, dal momento che è stata progettato per i principianti.

Modalità Sevo AF a tempo pieno

La modalità Servo AF più recente, nota anche come “AF-F”, è stato introdotta da Nikon su reflex digitali come Nikon D3100 e Nikon D7000, in particolare per la registrazione video in modalità Live View. Questa modalità segue automaticamente il movimento del soggetto e acquisisce messa a fuoco durante la registrazione video. Mentre sembra suonare come una grande caratteristica, non funziona molto bene per soggetti in rapido movimento e Nikon dovrà lavorare per migliorare questa modalità per renderla più veloce e più usabile.

Modifica delle modalità di messa a fuoco

Se non sai come cambiare la messa a fuoco della fotocamera, ti consiglio di verificare il manuale della fotocamera, perché macchine fotografiche differenti gestiscono in modo diverso la messa a fuoco. Ad esempio, tutte le entry-level Nikon DSLR richiedono di andare nella schermata “Info” per cambiare la modalità di messa a fuoco, mentre le DSLR di fascia alta hanno un interruttore dedicato di fronte alla telecamera per passare tra le diverse modalità di messa a fuoco. Ad esempio, ecco come si cambia la modalità di messa a fuoco sulle Canon: Canon Top   Premendo il bottoncino Af-Drive (il secondo da sinistra sopra lo schermo) e poi agendo sulla ghiera possiamo selezionare una delle tre modalità di Autofocus: One Shot, AI Servo, AI Focus. Nel prossimo articolo vedremo alcuni scenari classici di utilizzo di queste modalità. Non dimenticate di iscrivervi al blog per non perdere neanche una lezione!

Lascia un commento